Left Continua con gli acquisti
Il tuo ordine

Non hai nessun articolo nel carrello

Potrebbe interessarti anche
Da €600
Mostra opzioni
Da €2576
Mostra opzioni
Premio Italia a Tavola 2016

Premio Italia a Tavola 2016

 
link-foto-1
Gianni Tarabini e Franco Aliberti, Chef de La Fiorida e del ristorante La Preséf di Mantello, Stella Michelin per il quarto anno consecutivo, sono stati inseriti dalla redazione di Italia a Tavola nel novero dei candidati, attraverso un sondaggio on-line, al Premio Italia a Tavola per il personaggio dell’anno dell’enogastronomia e della ristorazione.
Per i due Chef dell’Azienda Agrituristica della Bassa Valtellina si tratta di una doppia sorpresa: “Abbiamo appreso della nostra candidatura con vivo stupore. Cerchiamo di fare il nostro lavoro con grande impegno e passione, nell’ottica di valorizzare al massimo le produzioni de La Fiorida, della Valtellina e del Lago di Como e con loro i nostri magnifici territori. L’inserimento dei nostri nomi in una rosa di contendenti che comprende veri e propri mostri sacri della Cucina italiana non può che ripagare noi e chiunque lavori in ogni ambito de La Fiorida, così come ci permette di portare in alto anche il nome del contesto turistico ed enogastronomico valtellinese, in cui operiamo”. Ma non è tutto: “non volevamo credere ai nostri occhi quando abbiamo visto il riscontro raccolto all’interno del sondaggio. A fine dicembre, dopo nemmeno due settimane dall’apertura della consultazione, per qualche ora siamo stati addirittura i nomi più votati. Un risultato che crediamo possa derivare dal rapporto unico e caloroso che ci lega agli ospiti de La Fiorida e de La Preséf”.
Italia a Tavola è una delle più autorevoli, dinamiche ed avanzate realtà nel settore dell’informazione specializzata su ristorazione, filiera agroalimentare e turismo, attraverso un network che integra la rivista mensile specializzata “Italia a Tavola” (prossima a compiere i 30 anni, forte di una distribuzione che attualmente raggiunge le 60mila copie per uscita) e una piattaforma multimediale che ha la sua ammiraglia nel portale www.italiaatavola.net, quotidiano online di enogastronomia e turismo, forte di oltre 350.000 contatti unici mensili.
Proprio attraverso il portale viene lanciato il Premio Italia a Tavola 2016 per il personaggio dell’anno dell’enogastronomia e della ristorazione. Votazioni on-line aperte dall'11 dicembre 2016 sino alle ore 24.00 del 5 febbraio 2017, “non per segnalare chi è ritenuto il migliore, ma solo chi si pensa abbia rappresentato al meglio il settore dell'Horeca (hotellerie e ristorazione, n.d.r.) e dell'enogastronomia italiana nel 2016”, come specifica l’introduzione al premio stesso.
Italia a Tavola ha individuato una rosa di 144 personaggi, divisi in 4 sezioni (Cuochi, Pizzaioli e Pasticceri; Maitre, Sommelier e Manager d'Hotel; Barman), in ciascuna delle quali il pubblico della rete può attribuire fino a 3 voti, in accordo allo spirito del sondaggio, raggiungibile dalla home page di www.italiaatavola.net.
A circa metà della finestra d’apertura delle votazioni, i tanti voti del pubblico raccolti da Gianni Tarabini e Franco Aliberti sospingono la coppia degli Chef dell’azienda agrituristica valtellinese a ridosso della top 10 nella categoria Cuochi, Pizzaioli e Pasticceri, in cui sono inseriti nomi del calibro di Massimo Bottura, Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Alessandro Borghese, Bruno Barbieri, Gualtiero Marchesi, solo per citare alcuni tra i più noti al pubblico.
Non ci vogliamo creare illusioni” commentano i due Chef de La Fiorida “Già essere inseriti in questo novero di grandi personalità da un’autorevole Redazione come quella di Italia a Tavola è un grande premio, del quale possiamo ritenerci ampiamente lusingati, così come dalla risposta del pubblico sin qui registrata. Ma visto che siamo in partita, proviamo a strappare un piccolo aiuto dal pubblico, chiedendo a quanti apprezzano La Fiorida ed amano questa terra, di connettersi e darci un voto. In fondo bastano pochi tocchi sullo smartphone o click sullo schermo per continuare a giocarci fino all’ultimo giorno la possibilità di portare il Premio Italia a Tavola nella nostra Valle e, con lui, testimoniare che anche la Valtellina può esprimere un’alta rappresentatività nell’ambito enogastronomico e turistico nazionale”.